Alla Madonna della Catena

Santino Madonna della CatenaOrigine: Castelbuono (PA)

Diu vi salvi rigina
maria di la catina
di grazii siti china
otri misura
la matri si sicura
ca sempri hai libiratu
di lazzi du piccatu
cu a tia ricurri
a palermu succurri
li cunnanati a morti
sarvizza e bona sorti
a iddi dasti
o chi sorti nefasti
la morti tl'attinnia
ai pedi tua maria
furunu misi
fora li frocchi 'mpisi
vagnati da timpesta
ancora tempu arresta
pi a tia priari
di grazia vastu mari
un ti putia niari
e subitu i catini fici spizzari.
a cui mi hai vutari
si no a la matri mia
aiuta puri a mia
bedda Maria!
si lu cifaru 'nfirnali
si metti 'ntra la via
cu lu piruzzu tua
scacciaccia a testa
si fa na ranni festa
pi tutta la citati
o vui chistiani vattiati
curriti a la matruzza
ca cu voli la grazia
ci la fa
glora a lu Patri eturnu
o figghiu sapienti
o spiritu i buntà eternamenti.

 


Origine: Isnello (PA)

Supplica alla Madonna della Catena per agevolare il parto

Santa Matruzza Da Catina
'nto to nomi lu sgargiu s'avvicina
pi tri voti iu vi chiamu
fati nasciri stu cristianu
e sta matri sgravati
di dulari sarvati

*Santa Madonnina (Mammina) della Catena nel tuo nome il parto si avvicina
per tre volte io vi supplico fate uscire questo bambino (cristianu) e
liberate questa madre e dai dolori salvatela.*

 


Origine: Castelbuono (PA)

Diu vi salvi rigina
maria di la catina
di grazii siti china
otri misura
la matri si sicura
ca sempri hai libiratu
di lazzi du piccatu
cu a tia ricurri
a palermu succurri
li cunnanati a morti
sarvizza e bona sorti
a iddi dasti
o chi sorti nefasti
la morti tl'attinnia
ai pedi tua maria
furunu misi
fora li frocchi 'mpisi
vagnati da timpesta
ancora tempu arresta
pi a tia priari
di grazia vastu mari
un ti putia niari
e subitu i catini fici spizzari.
a cui mi hai vutari
si no a la matri mia
aiuta puri a mia
bedda Maria!
si lu cifaru 'nfirnali
si metti 'ntra la via
cu lu piruzzu tua
scacciaccia a testa
si fa na ranni festa
pi tutta la citati
o vui chistiani vattiati
curriti a la matruzza
ca cu voli la grazia
ci la fa
glora a lu Patri eturnu
o figghiu sapienti
o spiritu i buntà eternamenti.


«Giusto è che questa terra, di tante bellezze superba, alle genti si addìti e molto si ammiri, opulenta d'invidiati beni e ricca di nobili spiriti». Lucrezio - De rerum natura -

«L'Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito: la Sicilia è la chiave di tutto».
Johann Wolfgang Goethe - Viaggio in Italia - (alla lettera datata "Palermo, venerdì 13 aprile 1787")

«Venga a' lidi tuoi fè d'opre alte e leggiadre, o isola del sole, o tu d'eroi Sicilia antica madre». Giosuè Carducci - Alla figlia di F. Crispi -

«Ajo visto el mappamondo et la carta da navichare, ma Sicilia ben me pare più bel isola del mondo».
Carmelo Trasselli - Sicilia, levante e Tunisia -

«E la bella Trinacria, che caliga tra Pachino e Peloro, sopra 'l golfo che riceve da Euro maggior briga, non per Tifeo ma per nascente solfo, attesi avrebbe li suoi regi ancora, nati per me di Carlo e di Ridolfo, se mala segnoria, che sempre accora li popoli suggetti, non avesse mosso Palermo a gridar: "Mora, mora!"». Dante - Paradiso: Canto VIII -